Quando tutto ebbe inizio. Il cuoco e la cantastorie

La nostra storia inizia in Scozia nel corso di un casuale ed avventuroso incontro tra Max il cuoco e Giovanna la storyteller. Ecco come si sono incontrati!

Lo spettacolo si stava svolgendo presso lo Scottish Storytelling Center. La storyteller aveva solo pochi minuti per rilassarsi prima della seconda parte. Eppure, in quei pochi minuti,  è successo tutto. Lo chef corre attraverso il backstage, dribla la sicurezza e bussa alla porta. «Tu e io – dice –  dobbiamo parlare. C’è un progetto che dobbiamo fare insieme “. La cosa divertente è che la storyteller ha mantenuto la calma. “Possiamo parlare alla fine dello show?” ha detto avendo bisogno urgente di un bicchiere d’acqua e una sosta toilette.

Così è cominciato tutto. Questo è il modo in cui  Centro Italiano Storytelling ha mosso il suo primo passo. La storyteller a Edimburgo era Giovanna Conforto. Ora è il direttore creativo del Centro Italiano Storytelling. Quello chef era Max Cameli, uno dei promotori dell’associazione culturale Academy Olmo a Portico di Romagna. L’associazione ora completa la sua offerta formativa di lingua e cultura italiana con eventi, laboratori e corsi di formazione di storytelling.

Da allora la famiglia si è allargata, amici locali per impostare l’organizzazione e partner internazionali per diffondere la notizia. Abbiamo provato un paio di workshop ed ora siamo pronti a presentarci in questo sito, discutere con voi su Facebook e lanciare il nostro primo workshop ufficiale sui racconti di Natale.

Caro lettore, benvenuto a bordo del primo Storytelling Center italiano.

Un abbraccio,
Giovanna, Max, Silvio, Ulla e … la grande famiglia a cui apparteniamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *